Al momento stai visualizzando Parcheggio di interscambio Prealpino, un cantiere smart e green

Parcheggio di interscambio Prealpino, un cantiere smart e green

Proseguono, nel pieno rispetto del cronoprogramma, i lavori commissionati da Brescia Infrastrutture a l’RTI F.L. Costruzioni & Autotrasporti S.r.l. – Enpower S.r.l per la realizzazione del parcheggio di interscambio di Prealpino. Isegno ha supportato l’impresa nello sviluppo del modello BIM del progetto esecutivo e suggerito l’utilizzo della Mixed Reality per una miglior gestione delle attività di cantiere.

L’Ing. Merlini Alberto, direttore di Brescia Infrastrutture, ha toccato con mano le potenzialità della Mixed Reality, indossando il Caschetto Trimble XR10 con Hololens 2. Ha interagito direttamente con i modelli e testato l’ampia gamma di attività che è possibile effettuare tramite il device, tra cui prendere le misure, verificare eventuali clash, inviare modifiche via e-mail.

Stato avanzamento lavori

Lo stato di avanzamento lavori è stato presentato dal Vicesindaco e dal Presidente di Brescia Infrastrutture, alla presenza delle rappresentanze dell’RTI durante un angolo stampa che si è tenuto direttamente in cantiere, lunedì 27/11/2023.

Il parcheggio di Prealpino sarà caratterizzato, come da progetto, da cinque livelli (due interrati e tre fuori terra). La capienza sarà pari a 826 autovetture, cui si aggiungerà un’area esterna a raso da 179 posteggi, per un totale di 1.005 posti auto che lo renderanno il secondo della città per numero di posti auto, dopo quello dell’ospedale, come ricordato dal Vicesindaco Federico Manzoni. Ogni piano sarà identificato da un colore diverso per consentire un’individuazione rapida dell’area di parcheggio della propria vettura.

Come ben dettagliato dal presidente di Brescia Infrastrutture, Marcello Peli, dopo la bonifica della zona da ordigni bellici, si è proceduto alla realizzazione dei diaframmi, posizionati lungo il perimetro del volume interrato dei parcheggi, e degli scavi che hanno portato alla movimentazione di oltre 30.000 metri cubi di terreno.

Si è passati poi alla realizzazione dei plinti di fondazione per la posa di pilastri, travi e tegoli prefabbricati e alla rampa circolare posta al centro del parcheggio. A metà ottobre è iniziata la posa delle strutture prefabbricate, ora nel vivo del montaggio, che terminerà secondo l’attuale cronoprogramma entro la fine di gennaio 2024. Durante l’inverno è stata prevista la posa degli impianti, elettrici, antincendio, illuminanti e di conteggio dei veicoli che fornirà in tempo reale il numero di posti auto disponibili. Mentre con l’inizio del nuovo anno verrà realizzata la pensilina del capolinea degli autobus del servizio extra urbano che collegano Brescia alla Val Trompia.

Parcheggio Prealpino, un cantiere green

Come ricordato dal vicesindaco, il parcheggio, consentirà una drastica riduzione del numero di accessi in auto in città, stimato in circa 60.000 unità in meno, favorendo una mobilità sostenibile e la riduzione delle emissioni inquinanti. Da ultimo, prima del termine lavori previsto per la fine di aprile 2024, verranno realizzati i lavori che riguardano la viabilità principale, di distribuzione e le aree verdi.

Non è stato trascurato l’impatto che avrà il nuovo parcheggio di interscambio sul tessuto urbano limitrofo. Si è scelto infatti un rivestimento esterno dell’edificio in lamiere stirate di differenti tipologie e dimensioni per mitigare e migliorare l’effetto visivo. Sempre in un’ottica green verrà realizzato anche un parco urbano, con aree attività ricreative e sportive. è stata prevista l’installazione di colonnine di ricarica per le auto elettriche esterne prima, ed interne al parcheggio poi, di pannelli fotovoltaici (che dovrebbero coprire il 65% del fabbisogno energetico dell’edificio) e di sistemi d’illuminazione a basso consumo. Per il presidente di Brescia infrastrutture quest’opera è figlia di una pianificazione attenta che consentirà di tutelare l’ambiente migliorando la viabilità cittadina.

Lascia un commento