Costruttori

L’approccio al BIM da parte dei Costruttori e dei General Contractor avviene con logiche differenti da quello degli altri operatori di mercato. Il processo costruttivo, a causa della sua complessità e dell’eterogeneità dei fornitori coinvolti, rende infatti l’applicazione del BIM particolarmente articolata.

Tuttavia, le imprese che hanno avviato il processo di transizione al BIM, hanno sperimentato diversi vantaggi nella gestione del cantiere:

  • Riduzione degli errori: la migliore qualità del progetto realizzato in BIM riduce in margini di interpretazione delle scelte progettuali
  • Maggiore qualità costruttiva: migliore comprensione delle dinamiche costruttive e lavorazioni in cantiere, grazie anche alla possibilità di utilizzo della realtà aumentata
  • Risparmio di tempo: la simulazione 4D consente di Identificare i componenti nelle singole fasi di lavorazione e prevedere con esattezza i tempi di installazione in cantiere, anticipando la richiesta di fornitura dei materiali.
  • Minori revisioni: la maggiore consapevolezza del progetto da parte del Committente, e una previsione dei costi più accurata, consentono di ridurre le varianti in corso d’opera.
  • Riduzione dei costi: la cantierizzazione di un progetto più accurato, con un computo più preciso, riduce il gap tra i costi stimati e quelli effettivi, evitando il rischio di penali.
  • Aumento della competitività: il metodo BIM consente di potersi aggiudicare importanti lavori pubblici e lavorare con grandi committenti e fornitori qualificati, incrementando la propria brand identity sul mercato nazionale e internazionale.

In un recente studio sulle imprese di costruzione Statunitensi, è emerso che il 45% del campione ha scelto di ricorrere all’outsourcing piuttosto che adottare il BIM al proprio interno.  E ciò in quanto, nella maggior parte dei casi, la digitalizzazione di una impresa comporta l’assunzione di nuovo personale qualificato, oltre ai cambiamenti di gestione e uso di strumenti dedicati. Quindi la scelta di un consulente esterno qualificato, consente di:

  • evitare investimenti nell’acquisto di hardware e software
  • ridurre i costi e gli oneri legati alla formazione interna e alla implementazione dei processi (test di interoperabilità, workflow specifici, creazione di librerie, template etc..)
  • personalizzare il livello di intervento in funzione dell’appalto, del tipo di opera e della fase di avanzamento lavori
  • ottenere una maggior qualità del servizio in tempi ridotti

In elenco le attività oggetto di affidamento a fornitori esterni.

Automation in Construction Survey 2018 – Dept. of Construction Science – University of Texas

Consulta le fasi del nostro BIM Implementation System e contattaci per conoscere le soluzioni che stiamo adottando con i nostri clienti.

Existing model

Existing condition Modeling

Sviluppo del modello geometrico di edifici e infrastrutture esistenti a partire da progetti as built, da specifici bandi di gara, da rilievi geometrici forniti dal Committente o acquisiti mediante laser scanner.

Digitalizzare le informazioni di opere esistenti al fine di ridurre i tempi e i costi delle operazioni di controllo in fase di gestione e manutenzione, valorizzando gli asset immobiliari.

Tender Support

Supporto nella redazione del Capitolato Informativo, Offerta e Piano di Gestione Informativa per gli appalti e commesse in cui si richiede l’uso della metodologia BIM.

Fornire supporto specialistico, riducendo i tempi di preparazione della documentazione limitando errori o contrattempi quali ricorsi o possibili cause di esclusione dalla gara.

as built modeling

As built Modeling

Supporto per l’aggiornamento o creazione del modello as built BIM in corso d’opera, con definizione LOD F aggiornato ai relativi SAL di cantiere.

Rispondere correttamente ai requisiti di gare effettuate in BIM, anche al fine di acquisire maggiori punteggi.

Model review

Revisione e validazione dei modelli BIM realizzati dal cliente o sviluppati da terzi. Il servizio può riguardare il controllo delle interferenze o la verifica di rispondenza ai requisiti previsti dal committente.

Verificare la correttezza del modello rispetto ai requisiti concordati, individuando possibili aree di miglioramento.

CDE Setting

Impostazione dell’Ambiente di Condivisione Dati e Documenti (Common Data Environment), sulla base delle normative e best practice nazionali e internazionali.

Definire le regole di organizzazione dei dati per garantirne la fruibilità tra le parti coinvolte. Ottimizzare la produzione dei modelli e garantire il corretto flusso delle informazioni.

BIM & Quality Guideline

Supporto alla redazione delle Linee Guida BIM sulla base dell’Assessment Report, delle strategie condivise nel BIM Adoption Plan e dei processi aziendali in logica integrata con la ISO 9001 e gli standard nazionali e internazionali applicabili.

Definire i principali work flow e ottimizzare i processi per la gestione delle commesse BIM, strutturando un sistema di gestione aziendale certificabile secondo lo schema GA BIM ICMQ.

Pre Assessment

Raccolta delle informazioni sui processi e sull’organizzazione aziendale mediante interviste e questionari ai fini della Gap Analysis.

Valutare il livello attuale di maturità del BIM in azienda  rispetto agli obiettivi aziendali e i livello di implementazione desiderato.

BIM Adoption Plan

Supporto personalizzato allo sviluppo del piano aziendale strategico di adozione e del BIM sulla base degli esiti dell’Assessment Report.

Pianificare le attività a breve e medio termine per l’adozione del BIM mediante l’uso di specifici indicatori di performance per monitorare gli obiettivi previsti nella strategia aziendale.