Committenti

I normatori europei e nazionali hanno da tempo avviato un generale processo di ammodernamento del comparto edilizio che ha favorito la pubblicazione del nuovo Codice Appalti (D.lgs. 50/2016). Il Decreto introduce in Italia prescrizioni a favore della semplificazione e digitalizzazione dell’attività delle PA, e ha dato impulso alla pubblicazione del c.d. Decreto BIM (DM 560/17), che prevede l’introduzione obbligatoria del metodo BIM per gli appalti di opere pubbliche secondo le seguenti fasi temporali.

Ciò ha avviato una lenta e progressiva adozione del metodo e dei relativi software di modellazione tra le principali stazioni appaltanti e studi di progettazione, inizialmente di grandi dimensioni, e via via da parte di studi mediamente strutturati.

Si stimano in UE oltre 250 mila stazioni appaltanti pubbliche,
il 15% delle quali è presente in Italia.

NORMA BIM

Di seguito alcune delle principali fasi del percorso di implementazione BIM a supporto delle stazioni appaltanti pubbliche e private

Pre Assessment

Raccolta delle informazioni sui processi e sull’organizzazione aziendale mediante interviste e questionari ai fini della Gap Analysis.

Valutare il livello attuale di maturità del BIM in azienda  rispetto agli obiettivi aziendali e i livello di implementazione desiderato.

Tender Support

Supporto nella redazione del Capitolato Informativo, Offerta e Piano di Gestione Informativa per gli appalti e commesse in cui si richiede l’uso della metodologia BIM.

Fornire supporto specialistico, riducendo i tempi di preparazione della documentazione limitando errori o contrattempi quali ricorsi o possibili cause di esclusione dalla gara.

BIM Conference

Seminario introduttivo sul metodo BIM, le normative applicabili e le opportunità legate alla digitalizzazione dei processi aziendali.

Sensibilizzare le principali aree aziendali, fornitori/partner per condividere le logiche del percorso intrapreso e aumentare la fidelizzazione del cliente.

CDE Setting

Impostazione dell’Ambiente di Condivisione Dati e Documenti (Common Data Environment), sulla base delle normative e best practice nazionali e internazionali.

Definire le regole di organizzazione dei dati per garantirne la fruibilità tra le parti coinvolte. Ottimizzare la produzione dei modelli e garantire il corretto flusso delle informazioni.

Model review

Revisione e validazione dei modelli BIM realizzati dal cliente o sviluppati da terzi. Il servizio può riguardare il controllo delle interferenze o la verifica di rispondenza ai requisiti previsti dal committente.

Verificare la correttezza del modello rispetto ai requisiti concordati, individuando possibili aree di miglioramento.

Library modeling

Creazione dei Template per i principali documenti di Commessa e file di Progetto, comprese le librerie degli elementi per la produzione dei modelli.

Standardizzare i contenuti e gli elaborati grafici per garantirne l’omogeneità, facilitando l’estrazione delle informazioni e dei documenti dal modello BIM.

BIM Design & Modeling

Creazione di modelli BIM per lo sviluppo del modello As Built. Progettazione e creazione di modelli BIM multidisciplinari dalla fase concettuale alla fase costruttiva As-built, integrando le logiche di progettazione tradizionale alla metodologia BIM (4D, 5D, 6D).

Incrementare le opportunità di gestire commesse BIM, in partnership con operatori qualificati. Supportare la produzione di modelli per specifiche commesse. Incrementare la capacità produttiva evitando l’aumento di costi strutturali.

Existing model

Existing condition Modeling

Sviluppo del modello geometrico di edifici e infrastrutture esistenti a partire da progetti as built, da specifici bandi di gara, da rilievi geometrici forniti dal Committente o acquisiti mediante laser scanner.

Digitalizzare le informazioni di opere esistenti al fine di ridurre i tempi e i costi delle operazioni di controllo in fase di gestione e manutenzione, valorizzando gli asset immobiliari.

Committenti

BIM Suppliers Qualification

Verifica dello stato di maturità del BIM e adeguatezza nel deliverare le attività affidate in outsourcing, mediante il riesame delle capacità e risorse previsto dalla ISO 19650.

Verificare le capacità e livello di organizzazione dei processi BIM dei propri fornitori, sia in fase di prequalifica che durante  lo svolgimento di una commessa BIM, al fine di evitare non conformità o ritardi nella consegna.